Dr. Giacomo Leuzzi
 
     Studio Medicina Generale Convenzionato S.S.N.     

    Badolato Superiore: Vico I° Manco n. 7
    Badolato Marina: Via delle Mimose n. 1

  Tel. Studio 0967-814927 (Badolato Marina)
  Tel. Cell.  328-1219944



P. IVA 01652020791

Home Orario Invernale Orario Estivo Orario ricette Prefestivi chiuso pomeriggio Emergenze notturne e festive Consigli del medico Numeri utili: Ospedali, ecc. Assistenza Cittadini Stranieri Polo di Badolato LINK utili Contatti

Tutti i consigli

 Obesità

Obesità

Le caratteristiche ponderali (del peso) delle persone sono definite in relazione al loro valore di indice di massa corporea (Imc oppure Body Mass Index - Bmi), calcolato dividendo il peso (in kg) per la statura (in m) al quadrato.

Il Bmi è rappresentato in 4 categorie:

  • sottopeso (Bmi < 18,5)
  • normopeso (Bmi 18,5-24,9)
  • sovrappeso (Bmi 25-29,9)
  • obeso (Bmi ≥ 30)

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) ha stimato che una persona gravemente obesa perde in media 8-10 anni di vita, quanto un fumatore. Ogni 15 kg di peso in eccesso il rischio di morte prematura aumenta del 30%. Bambini con almeno un genitore obeso hanno una probabilità 3-4 volte maggiore di essere obesi: la causa è in parte genetica e in gran parte è dovuta al fatto che i bambini acquisiscono gli stili di vita dei genitori (dieta poco salutare e vita sedentaria). Oggi in generale si tende a mangiare troppo e fare poca attività fisica.

In Italia l’eccesso di peso è il quarto fattore più importante per morte prematura e anni vissuti in disabilità.

Sovrappeso ed obesità sono responsabili di circa l'80% dei casi di diabete, del 55% dei casi di ipertensione, del 35% di quelli di cardiopatia ischemica e del 7-41% di alcuni tipi di tumore. E poi molte altre patologie dalle apnee notturne alle malattie muscoloscheletriche. Inoltre l'obesità si accompagna a una pessima qualità di vita con difficoltà a camminare, correre, saltare, praticare sport, trovare capi di abbigliamento, ecc...

Più di un terzo della popolazione adulta italiana è in sovrappeso (35,3%), quasi una persona su 10 è obesa (9,8%, ovvero 6  milioni) e a causa di complicanze legate a questa malattia una persona ogni 10 minuti muore: 57 mila decessi all'anno e oltre mille a settimana.

Oltre che un problema medico e sanitario, l'obesità rappresenta un costo significativo per il SSN: si calcola che nel 2012 questa condizione sia stata responsabile del 4% della spesa sanitaria italiana.

Le regole di una sana alimentazione sono poche e semplici: non mangiare troppo, mangiare soprattutto frutta e verdura (almeno 5 porzioni al giorno), poi pasta, riso e pane (meglio se integrali) o altri cereali e tuberi (tra cui le patate) o i legumi. La carne va bene solo in quantità molto moderate (non più di 2 volte alla settimana), da evitare o ridurre al minimo è la quantità di carni conservate (salame, speck, scatolame ecc). Il pesce è consigliato 2 volte alla settimana. Formaggi ed uova sono da mangiare al posto della carne e non in aggiunta ad essa. Il consumo di dolci (molto meglio se fatti in casa) dovrebbe essere contenuto e riservato ai pranzi speciali. Condire con olio di oliva e poco sale. Da evitare completamente sono i cibi spazzatura (prodotti industriali con molte calorie e pochi nutrienti) e le bevande zuccherate.

Per il mantenimento del peso è raccomandato associare alla sana alimentazione una regolare attività fisica.

È tuttavia importante essere consapevoli che l’eccesso ponderale è innanzitutto un problema di alimentazione. La quantità di calorie consumate grazie ai livelli di attività fisica raccomandati non sono sufficienti a controbilanciare una dieta ipercalorica (in 30 minuti di cammino si consumano circa 150 kcal; una lattina di bevanda zuccherata tipo Cocacola contiene circa 140 kcal, 100 gr di alcune barrette snack contengono fino a 500 kcal). Quindi pur facendo attività fisica, se le calorie introdotte sono troppe si ingrassa lo stesso !!!

Chi è sovrappeso o obeso è bene che si rivolga al proprio medico per i controlli ed i suggerimenti terapeutici del caso (dieta, attività fisica, farmaci, visite specialistiche, fino all'eventuale intervento di chirurgia bariatrica).

 

 

 

Badolato Borgo


Badolato Borgo


Chiesa Provvidenza


Fontana "Cafuni"


Fontana "Graneli"


Fontana di Siena


Le Fontanelle


Una porcilaia