Dr. Giacomo Leuzzi
 
     Studio Medicina Generale Convenzionato S.S.N.     

    Badolato Superiore: Vico I° Manco n. 7
    Badolato Marina: Via delle Mimose n. 1

  Tel. Studio 0967-814927 (Badolato Marina)
  Tel. Cell.  328-1219944



P. IVA 01652020791

Home Orario Invernale Orario Estivo Orario ricette Prefestivi chiuso pomeriggio Emergenze notturne e festive Consigli del medico Numeri utili: Ospedali, ecc. Assistenza Cittadini Stranieri Polo di Badolato LINK utili Contatti

Tutti i consigli

Le punture di insetto (vespe, api o calabroni, zanzare ed i tafani, pulci e le cimici) si verificano durante tutto l'anno, ma la loro frequenza ? elevata soprattutto nel periodo estivo

Le punture di insetto

 

Le punture di insetto (vespe, api, calabroni, zanzare, tafani, pulci e cimici) si verificano durante tutto l'anno, ma la loro frequenza ?elevata soprattutto nel periodo estivo.

Nella zona intorno al punto di inoculazione si osserva in genere arrossamento e rigonfiamento della pelle accompagnato da prurito, dolore o bruciore a seconda del tipo di insetto che punge: le zanzare ed i tafani provocano prurito cos?come le pulci e le cimici, mentre le api, le vespe ed i calabroni oltre al prurito danno pure bruciore e dolore.

L'intensit?delle manifestazioni varia a seconda della reattivit?individuale e del numero di punture sub?e. Si va dalla comparsa di banali reazioni locali (rigonfiamento, arrossamento, bolle), alle lesioni diffuse alla gran parte del corpo, fino al pericoloso shock anafilattico nel caso in cui ad essere punto sia un soggetto gravemente allergico al veleno degli insetti.

In caso di punture di vespe, api o calabroni bisogna assicurarsi che il pungiglione non sia rimasto impiantato nella pelle perch?in questo caso la prima cosa da fare ? procedere immediatamente alla sua estrazione. Per rimuoverlo si possono utilizzare un paio di pinzette sterilizzate con la fiamma del fornello casalingo evitando di spezzare il pungiglione dal quale potrebbe fuoriuscire altro veleno peggiorando cos?la situazione.

In caso di punture numerose o di ipersensibilit?individuale al veleno dell'insetto con reazioni gravi ?bene consultare un medico o recarsi in pronto soccorso.

Negli altri casi casi ?sufficiente lavare la zona interessata dalle punture con acqua fredda ed applicare una crema al cortisone sulle lesioni cutanee e,? nei casi non gravi ma comunque pi?fastidiosi e nell'impossibilit?di essere visitati da un medico, si pu?usare un antistaminico per bocca e/o il cortisone per bocca o i.m. che bloccando la reazione allergica fanno regredire il fastidioso prurito e le lesioni cutanee (facendosi visitare dal medico appena possibile).

Evitare di grattare con le unghie o spremere le lesioni cutanee provocate dagli insetti per scongiurare la sovrapposizione di infezione batterica.

Nel caso si siano formate delle bolle ?bene non romperle e se troppo grosse, e quindi a rischio di rottura,? ?meglio aspirarne il contenuto bucandole con una siringa sterile.

Chi sa di essere gravemente allergico alle punture di insetto (in genere vespe, api, calabroni) ?consigliabile che porti con se i farmaci necessari al trattamento di emergenza seguendo le istruzioni del proprio medico curante.

Badolato Borgo


Badolato Borgo


Chiesa Provvidenza


Fontana "Cafuni"


Fontana "Graneli"


Fontana di Siena


Le Fontanelle


Una porcilaia